Stefania Catallo

Vive e lavora a Roma. Dal 2011 dirige il centro antiviolenza “Marie Anne Erize”, e si occupa di scrittura. Tiene corsi e seminari sul femminile, scrive per Periodico Italiano Magazine, Laici.it, Pressenza e altre testate on line. Ha pubblicato “Ecce Dominae!” (2012, Universitalia); “Sulla pelle delle donne” (2013, CentoAutori); “La memoria scomoda della guerra. Le Marocchinate” (2016, Universitalia); “Evviva, Marie Anne è viva!” (2018, Universitalia). Alcuni dei suoi testi hanno iscìpirato lavori teatrali. E’ Ambasciatrice del Telefono Rosa Frosinone-Ceccano. Nel 2019 ha ricevuto il Premio Orsello.

Laura Coccia

Laura Coccia nasce a Roma il 6 aprile 1986. A causa di un’infezione contratta dopo la nascita è affetta da tetraparesi spastica. Alle elementari era trattata come un oggetto estraneo e veniva sistematicamente esclusa dalla vita della classe. Durante le scuole medie comincia a praticare l’atletica leggera sotto la guida del suo professore di educazione fisica Gianni Alessio, che, conducendola per mano, le ha fatto provare l’ebbrezza della corsa. Nel 1998 partecipa per la prima volta ai Giochi Sportivi Studenteschi, insieme alle ragazze normodotate e dall’anno successivo compete in una gara solo per disabili, che viene introdotta nel calendario dei GSS proprio per lei. Correndo, impara a controllare meglio il suo corpo e la sua spasticità, migliorando sensibilmente. Il suo allenatore aveva scelto per lei i 400 metri, che sono diventati la sua passione. Nel giugno 2003 partecipa ai Campionati Italiani Assoluti della FISD nei 100 metri, vincendo il suo primo titolo italiano. Dall’anno successivo partecipa alle gare dei 100, 200 e 400 metri. Nel 2005 è convocata in Nazionale per partecipare ai Campionati Europei, dove si classifica al quinto posto, sia nei 100 che nei 200 metri. I successi di Laura non si limitano però all’ambito sportivo, nel 2008 consegue la laurea triennale in Storia medievale, moderna e contemporanea con il massimo dei voti e la lode. Nel luglio 2010 discute la Tesi di Laurea Specialistica in Storia e nel settembre dello stesso anno vince il concorso per il Dottorato di Ricerca all’Università Sapienza di Roma, con un progetto che prevede lo studio della propaganda e delle violenze di genere durante l’avanzata dell’Armata Rossa su Berlino tra il 1944 e il 1945.

Carla Cucchiarelli

Vive e lavora a Roma. È vicecaporedattrice del telegiornale regionale del Lazio della Rai (Tgr) e si occupa da sempre di tematiche femminili e di arte. Tra le sue pubblicazioni: “Perché le mamme soffrono. Storie vissute nell’universo Salvamamme” scritto a quattro mani con Maria Grazia Passeri e Vincenzo Mastronardi (Armando editore); “Il telefono rosa. Una storia lunga trent’anni” (Castelvecchi editore), ma anche “Quello che i muri dicono. Guida ragionata alla street art della capitale”, “Così parlò la Gioconda” e “Quella notte a Roma. Biografia di Luigi Di Sarro” (tutti con Iacobelli editore). Si è laureata in Scienze Politiche con una tesi sul Cif, Centro Italiano Femminile negli anni della Ricostruzione. Ha studiato Counseling generazionale all’Università Popolare Giordano Bruno. Ha una figlia e due gatte.

Alessio Papalini

Vive e lavora a Roma. Ha conseguito la laurea in scienze dell’educazione e della formazione con tesi sulle tecniche e prospettive di intervento motivazionale nei contesti educativi di formazione permanente. Appassionato di scienze umane, consegue successivamente Master in consulenza pedagogica nei contesti educativi di formazione permanente, realizzando la tesi sulla funzione del tutor online e le relative tecniche di intervento per agevolare processi di formazione in presenza e a distanza. Continua attualmente a formarsi in un’ottica di life long learning, promuovendo l’importanza di una educazione che riguardi tutta l’esistenza umana ( life long education). Si occupa di consulenza didattica e tutoring professionale.

Elisabetta Viccica

Elisabetta Viccica, pioniera del bodypositive in Italia; dal 2010, fashion-designer, model-scout ed docente di fashion design. Titolare di Evha&Eva (brand di moda) ed EV FASHION EVENTS & MANAGEMENT (agenzia moda) esclusivamente nell’ambito del settore curvy & plussize, di cui sono profonda ed esperta conoscitrice.

Rita Zumbo

D.ssa Rita Zumbo, psicoterapeuta ad orientamento junghiano e specialista cognitivo comportamentale. Iscritta all’Ordine degli Psicologi e all’Albo degli Psicoterapeuti della regione Lazio, con numero 4727, in data 03/01/1994. Collaboratrice del Prof. F. Bruno e dell’AIASU (Associazione Internazionale per le Applicazioni delle Scienze Umane) con incarico di responsabile Dipartimento “Family” . Referente psicologo della formazione nei Centri Antiviolenza Marianne Erize e Referente Clinico e Supervisore del Team PsicologheLab . Collaboratrice dell’ associazione culturale “Ricordi da assaporare” che con il patrocinio di ROMA CAPITALE ha gestito lo Sportello di Ascolto “AIUTIAMO CHI AIUTA” (un sostegno per chi si occupa dei malati di Alzheimer) presso il Centro Anziani Sandro Pertini, via Dina Galli 8, ROMA. Autrice di capitoli e libri.